- Mercoledì 26 Luglio 2017 ore

Testata registrata al Tribunale di Grosseto n.5/11 del 15/06/11 Direttore responsabile: Pietro Squillero
Home page


 

Informazioni turistiche
Dove mangiare
Bar - Ritrovi

Informazioni sull'isola
Canzoni mp3
Poesie
Meteo

 



Museo della Minarologia e Geologia dell'Isola del Giglio

La mostra permanente mineralogica e geologia dell’Isola del Giglio, (situata a Giglio Porto in Via Provinciale n° 9) è formata in gran parte dalla collezione privata del professor Alessandro Fei - ora Curatore Scientifico del Museo - generosamente donata al Comune, e da una ricca collezione di campioni di Pietralta di proprietà del Comune stesso. Il Museo, come annota Fei, è strutturato, come prevede la nuova museologia, per rispondere a dei “perché” anziché mostrare nella sua interezza le collezioni di minerali, rocce, documenti e immagini raccolte dallo studioso in più di trent’anni di ricerche.
Varcata la soglia del Museo, si incontrano i pannelli che illustrano la nascita dell’Isola, ovvero cercano di spiegare perché questa è fatta di granito, ofioliti e rocce sedimentarie, perche c’è un giaciemento di pirite, perché il granito gigliese somiglia moltissimo a quello dell’Isola d’Elba, di Montecristo, della Sardegna ect. Proseguendo nella visita si incontrano le vetrine dei minerali: si comincia con i campioni provenienti dalla punta di Pietralta, uno dei più interessanti “laboratori naturali “ d’Italia – se non di tutta Europa – per lo studio delle alterazioni dei solfuri misti ivi presenti, ben noto ai collezionisti di minerali per gli splendidi campioni di "quarzo e malachite”: tra gli altri si segnalano i cristalli di atacamite, l’anglesite in individui trasparenti, la fosgenite, la calcopirite in cristalli dalle forme quanto mai desuete, la galena in rarissimi individui tabulari, la cerussite in aggregati “a covoni”, i campioni di azzurrite, smithsonite etc. che hanno reso famosa questa località mineralogica toscana.
Seguono due vetrine sui minerali del Franco: si vedranno, tra le altre, le evanescenti stalattiti della cava del Campese, frutto di fenomeni carsici “di frattura” nel calcare brecciforme, il gesso di Punta delle Saline, il diallagio, la pirolusite e l’epidoto del Poggio Giannetto.
Quindi ci si addentra nei segreti della miniera, ovvero nella storia dell’escavazione della pirite, attraverso campioni, cartelloni, documenti d’archivio (tra cui alcune mappe della miniera), fotografie di gallerie, tramogge e discariche oggi scomparse.
Due interessanti palchetti conservano campioni delle specie mineralogiche della Spiaggia di Campese: spiccano gli unici esemplari finora reperiti di quarzo verde (prasio) e quarzo nero (morione), quest’ultimo in un curioso habitus biterminato ed un interessante cristallo di azzurrite.
Dopo essersi soffermati davanti alle principali località dell’Isola si prosegue alla scoperta del granito e dei minerali gelosamente conservati dentro i suoi filoni: dall’allanite – considerata da molti la più bella in Italia - al berillo, dalla fluoroapatite in cristalli visibili a occhio nudo alla muscovite, dall’ortoclasio al quarzo, dalla grafite alla biotite ed alla lepidolite, dall’andalusite alla vivianite, per terminare con i bellissimi cristalli di berillo acquamarina e di elbaite (tormalina policroma).
Dulcis in fundo, la visita termina ammirando le tormaline della punta dell’Arenella, dal tipico – ed unico al mondo – habitus discoidale ed i giganteschi cristalli di tormalina nera delle pegmatiti del poggio della Pagana.

Aperto tutto l'anno per informazioni rivolgersi alla proloco isola del giglio




Posta / e-mail


Community
Io sono gigliese
L'album delle foto
Vecchi ricordi
Genealogia gigliese
Lascia un saluto

Nuova Webcam in diretta
Circolo Nautico



Arte e artisti gigliesi
Giovanni Cavero
Argentino Pini
Ivio Lubrani
Benso Milianelli
Remo Mattera

Circolo Nautico

PageRankTop.com
 
Copyright © 2008 www.isoladelgiglio.net - ideato e realizzato da Massimo Bancalà