- Giovedì 17 Ottobre 2019 ore
Home page


 

Informazioni turistiche
Dove mangiare
Bar - Ritrovi

Informazioni sull'isola
Canzoni mp3
Poesie
Meteo

 



Community
Io sono gigliese
L'album delle foto
Le foto dei gigliesi
Vecchi ricordi
Genealogia gigliese
Lascia un saluto

Nuova Webcam in diretta
Circolo Nautico



Arte e artisti gigliesi
Giovanni Cavero
Argentino Pini
Ivio Lubrani
Benso Milianelli
Remo Mattera

Circolo Nautico

GIGLIO REPORT

10 luglio 2019
Rifiuti, la Regione Toscana approva una pdl per la ri-assegnazione delle funzioni alle Province





fonte greereport.it

Marras: «Interveniamo per garantire continuitĂ  nella gestione del servizio» Cambiano le carte in tavola per la funzione sanzionatoria in materia ambientale e quella relativa alle autorizzazioni semplificate.Il Consiglio regionale ha approvato ieri a maggioranza una proposta di legge avanzata dalla Giunta toscana per far fronte al rischio caos in materia rifiuti, a seguito della sentenza della Corte Costituzionale 129/2019 che ha dichiarato illegittimo l’articolo 2, comma 1 lettera d), della legge regionale 22/2015: una norma che, in attuazione della legge Delrio sul riordino delle funzioni provinciali, aveva trasferito alla Regione funzioni sanzionatorie e di autorizzazioni semplificate in materia di rifiuti. Portata in tribunale dalla Provincia di Grosseto, la norma è stata dichiarata illegittima esponendo però il settore al rischio di un salto nel buio: la sentenza, a detta del capogruppo Pd Leonardo Marras, si esprime su aspetti marginali che però «rischiano di creare confusione tra le imprese. Oggi interveniamo per garantire continuitĂ  nella gestione del servizio».


«La legge di riordino delle funzioni varata nel 2015 viene quindi modificata – informano dal Consiglio regionale – con l’inserimento di un articolo 44 bis, che al comma 1 dispone come gli enti locali competenti alla verifica e al controllo dei requisiti per l’applicazione delle procedure semplificate possano avvalersi della struttura regionale per svolgere, in via transitoria e a titolo gratuito, le iscrizioni e le verifiche previste dal Codice dell’Ambiente, specificatamente agli articoli che regolano le attivitĂ  di smaltimento dei rifiuti non pericolosi (215 comma 3) e le prescrizioni nelle operazioni di recupero (216 comma 3). I termini di svolgimento dell’attivitĂ  istruttoria, sono differenziati e ricompresi tra i trenta e i cinquanta giorni. Nel caso in cui sia necessario rilasciare l’autorizzazione unica ambientale, sarĂ  la Regione a provvedere anche agli adempimenti di competenza dell’ente locale se questi ne farĂ  richiesta».


In sintesi, dunque, la funzione sanzionatoria in materia ambientale, specificatamente per quanto riguarda i rifiuti, torna immediatamente in capo alle Province. Quella relativa alle autorizzazioni semplificate sarĂ  espletata, in via provvisoria e comunque non oltre giugno 2020, dalla Regione se gli enti locali ne faranno richiesta. La proposta di legge approvata entrerĂ  in vigore il giorno successivo alla pubblicazione sul Burt per “garantire la tempestiva attuazione del sostegno regionale ed evitare ritardi nei procedimenti di interesse”.


A Grosseto l’ascia di guerra non è però ancora stata sotterrata: «Ci siamo impegnati in un battaglia di democrazia e l’abbiamo vinta – dichiara il presidente della Provincia, Antonfrancesco Vivarelli Colonna – la Corte costituzionale ha infatti riconosciuto a tutte le Province toscane, non solo a quella di Grosseto, di essere state illegittimamente sottratte delle funzioni ambientali che lo Stato attribuisce alle Province e quindi non avocabili dalla Regione Toscana. La nostra battaglia continuerĂ  nella sedi competenti affinchĂ© adesso la Regione ci restituisca le risorse finanziarie e strumentali che ha avocato a sé».





Cerca una notizia



PageRankTop.com
 
Copyright © 2008 www.isoladelgiglio.net - ideato e realizzato da Massimo Bancalà