copertina Fico degli Ottentottiscritto da Cesare Scarfo’ per Save Giglio

L’Ente Parco, col suo progetto “Life LetsGo Giglio”, si sta preparando a ricoprire con teli di plastica nera diverse aree nelle quali cresce il Fico degli Ottentotti (Carpobrotus). In queste zone dell’Isola, comprese tra zone terrazzate e scoscese scogliere, tale pianta, nel tempo, ha generato una piccola fascia ecosistemica che è destinata a perdersi con la distesa dei teli neri di plastica, che oltre a disseccare il Fico degli Ottentotti, sancirà la fine di un intero piccolo Mondo vivente, comprese le specie endemiche.

Esperti in Botanica ci hanno fatto notare proprio come qui al Giglio il vento e le particolari condizioni atmosferiche, facciano crescere il Fico degli Ottentotti non sempre a “tappeto” ma prevalentemente a chiazze, formando spesso delle “aiuole” naturali dove viene trattenuto del terreno. Quelle aree tra entroterra e scogliera, che sarebbero prive di humus (vita) a causa del dilavamento e dell’erosione dovuti sia al vento che alla pioggia, sono diventate così, nel tempo, una fascia incredibilmente ricca di vita.

IL PARERE DI ESPERTI IN BOTANICA

Ecco cosa ci ha insegnato Augusto De Bellis, cultore, docente, ricercatore di Botanica ed Erborista: “L'habitat creato dal Carpobrotus non è esclusivo ma forma per lo più una cenosi botanica dove chiaramente si osserva che le piante competitive trovano una migliore situazione di protezione vegetazionale, nutritiva e di stabilità del suolo. Si pensi alle nuove piantine che nascono protette e difese dalla eventuale brucatura, proprio dal Carpobrotus. Si osserva chiaramente che il Limonium sommierianum, il Senecio cinerea, l'Helicrysum litoreum, il Lotus creticus, l’Artemisia arborescens, le Euphorbie e molte altre specie vegetali, si presentano più rigogliose quando sono in consociazione al Carpobrotus. Inoltre, il metodo di eradicazione prospettato dai tecnici dell’Ente Parco, quello sì che non è selettivo e votato a creare vaste aree litorali con un vuoto botanico e zoologico assoluto. Molto meglio sarebbe stato un progetto di contenimento, là dove necessario, effettuato manualmente, rispettando le altre specie ed evitando anche un abbrutimento paesaggistico fatto di teli neri di plastica. Ci ha poi fatto notare come nell’habitat costituito dal Carpobrotus si nascondano grilli dal colore delle sue foglie, insetti, impollinatori, gechi, lucertole, lumache e tante altre creature che utilizzano la pianta come riparo ed i suoi fiori come sostentamento e che sono cibo, a loro volta, per uccelli ed altre forme di vita: “un incredibile ecosistema”, spiega De Bellis, “unico nel suo genere”.

 

TUTTE LE AZIONI ADOTTATE DOVREBBERO RIDURRE AL MINIMO L'IMPATTO SULLE SPECIE NON BERSAGLIO

La proposta dell'Ente Parco di mettere dei teloni di plastica nera su ampie distese di questo importante habitat sembra essere sbagliata.

Il regolamento UE 1143/2014 afferma espressamente quanto segue: “(1) La comparsa di specie esotiche, che siano animali, vegetali, funghi o microrganismi, in nuovi luoghi non è sempre fonte di preoccupazione. (25) È opportuno prendere in considerazione metodi non letali e tutte le azioni adottate dovrebbero ridurre al minimo l'impatto sulle specie non destinatarie di misure”.

L'uso dei teloni neri di plastica avrebbe un impatto negativo sulle specie non destinate alla misura, come sottolineato da De Bellis, “in quanto si andrebbe a disseccare tutto il mondo che lì vive, comprese le stesse specie endemiche che l’Ente Parco dichiara di voler proteggere”. Se dunque in alcune zone di scogliera si ritenesse necessario ridurre la presenza del Fico degli Ottentotti, basterebbe prelevarlo periodicamente a mano, utilizzando il raccolto per farne prodotti di erboristeria o per condire ed insaporire le pietanze o addirittura per farne tisane benefiche, ma “mai coprire con teli”.

PATRIMONIO CULTURALE, TRADIZIONALE ED AFFETTIVO

Inoltre, può essere importante notare che sia i residenti che i frequentatori del Giglio sono profondamente innamorati del Fico degli Ottentotti. I fiori che sbocciano sulle scogliere, tingendole periodicamente di incredibili colori, sono diventati un'icona ed un attributo distintivo dell'identità e dell’espressività dell'Isola del Giglio. Il Fico degli Ottentotti è stato perfino ritratto sulla copertina degli opuscoli del centro visitatori. Privare questi fiori della luce del Sole sarebbe un insulto diretto alla Natura ed alla sensibilità di chi ama il Giglio. Chi conosce il Giglio è cresciuto con il Fico degli Ottentotti ed è una presenza che è arrivata a ricordare loro casa. I bambini chiamano amorevolmente le foglie della pianta "patatine". Si è ipotizzato che l'arrivo del Fico degli Ottentotti possa essere avvenuto in tempi remoti, portato sull'isola non semplicemente per scopi ornamentali ma per la sua vasta gamma di proprietà medicinali che gli antichi conoscevano ed utilizzavano.

VALORE TURISTICO DEL FICO DEGLI OTTENTOTTI

Alcuni turisti programmano i loro viaggi al Giglio intorno alla fioritura del Fico degli Ottentotti per poterla fotografare. I fiori aggiungono colore, bellezza e creano un'atmosfera edificante. In un periodo nel quale i nostri turisti hanno scritto numerosi commenti anche sui giornali locali, lamentando che la loro amata isola sembra essere in un crescente stato di abbandono, piuttosto che restituirle qualcosa, l'Ente Parco ha deciso, monocraticamente, di privare il Giglio di ciò che ha anche valore turistico, oltre che culturale, ambientale e paesaggistico. Quando i turisti torneranno in primavera e troveranno il Capel Rosso privato dei suoi fiori o peggio, ricoperto di teli di plastica nera, come potremmo mai aspettarci che ritornino al Giglio l'anno successivo?

CONSERVAZIONE DEL FICO DEGLI OTTENTOTTI E DEL PAESAGGIO VIVENTE DEL GIGLIO

Sebbene si possa comprendere che le piante endemiche debbano essere salvaguardate, l'approccio, l'ideologia e la metodologia utilizzati in questo progetto non potrebbero essere più lontani dalle aspettative della nostra comunità e della comunità scientifica che hanno espresso la loro preoccupazione per le tecniche estremiste di contenimento ed eradicazione che l’Ente Parco ha deciso di adottare. Attraverso queste azioni devastanti, la distanza tra l'Ente Parco e la comunità locale sta rapidamente crescendo. La nostra isola è piccola ed i nostri residenti e coloro che amano il Giglio meritano di avere voce in capitolo. Le azioni dovrebbero essere decise insieme ai membri della comunità, ponderate e programmate in base alla sostenibilità, alla compatibilità con i bisogni della comunità ed alla capacità di soddisfare gli obiettivi di conservazione della Biodiversità di quest’isola che è unica e meravigliosa così come è.

   

Articoli recenti

   
   

Ultime notizie  

   

Link.  

 WEB CIRCOLO

apamagi

Britelcom Banner 160x600

nolegiglio1

toremar Banner 160x600

 

maregiglio Banner 160x600

 

Adietalibera Banner 160x600

 

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'