Gavorrano sicurezza Buglifonte toscana Notizie

Bugli stamani alla conferenza stampa di presentazione. Dal 2016 investiti complessivamente 1 milione e 240 mila euro

Sistemi di videosorveglianza che usano una tecnologia molto avanzata, in grado di cogliere anche i minimi dettagli di una targa o di catturare un’immagine con ampiezza panoramica. Coppie di vigili di prossimità che il pomeriggio e la sera presidiano le strade contro i vandalismi, l’abbandono dei rifiuti e la microcriminalità.

E poi ancora, laboratori teatrali e animazioni di strada per coinvolgere soprattutto i ragazzi, e infine i contributi volti a premiare i negozi che, riaprendo le saracinesche, recuperano i fondi commerciali sfitti.

Raccontano questo i progetti che la Regione Toscana ha finanziato nei comuni della Provincia di Grosseto attraverso i bandi per la sicurezza integrata dei quali sono state da poco pubblicate le graduatorie.

Ad esempio, i progetti di Gavorrano - illustrati dal sindaco Andrea Biondi e dall’assessore alla presidenza e alla sicurezza dei cittadini Vittorio Bugli, nella conferenza stampa di stamani nella sede del Genio civile di Grosseto - che si sono concentrati nelle frazioni più ‘fragili’ dal punto di vista della sicurezza: come quella di Bagno, la più popolosa ma con pochi luoghi di aggregazione giovanile, e, per quanto riguarda la videosorveglianza, il centro di Gavorrano e le frazioni di Caldana, Filare, Potassa, Ravi e Castellaccia.

“Questi progetti - spiega Bugli - raccontano un approccio integrato alla sicurezza che, come è stato appena fissato dalla legge regionale approvata pochi giorni fa dopo una lunga sperimentazione su tutto il territorio toscano, punta non tanto a misure repressive quanto alla creazione di ambienti sfavorevoli allo spaccio, agli scippi, alle aggressioni. Non sceriffi ma vigili a fianco dei cittadini, comunità collaborative, interventi software che investono sulle persone”.

Ma anche investimenti sulla videosorveglianza. Un sistema, quello delle telecamere smart, che la Regione ha finanziato in quasi tutti i Comuni toscani. Solo nella provincia di Grosseto sono 21 le amministrazioni che, dal 2016 a oggi, hanno ottenuto in totale 441 mila euro di contributi (oltre a Gavorrano, in ordine di tempo sono Cinigiano, Monte Argentario, Sorano, Castel del Piano, Isola del Giglio, Santa Fiora, Civitella Paganico, Manciano, Capalbio, Roccastrada e l’Unione Montana Colline Metallifere e, negli anni precedenti Grosseto, Follonica, l’Unione dei Comuni Amiata Grossetano, Castiglione della Pescaia, Scansano, Scarlino e Pitigliano).

“Possiamo dire che la videosorveglianza costituisce ormai una rete presente pressoché dappertutto nella provincia di Grosseto”, aggiunge Vittorio Bugli. “Lo stadio successivo sarà metterle in comunicazione tra loro: non serve avere la videosorveglianza nel piccolo comune quanto piuttosto averla in un territorio più ampio, con un sistema di controllo sempre più via software anziché con la presenza dell’uomo. E soprattutto che sia un sistema a disposizione di tutte le forze dell’ordine”.

Importante è stato anche l’investimento regionale sulla rigenerazione sociale urbana e i “vigili di quartiere”: tra il 2018 e il 2019 i contributi sono stati di 804 mila euro per Grosseto, Follonica, Gavorrano e Castiglione della Pescaia. «I nostri bandi hanno puntato molto sui vigili di quartiere e sui progetti modello Pop-up già sperimentati in diverse realtà: dico che è meglio avere meno porte blindate, ma stimolare le persone a uscire di casa scacciando così gli elementi negativi che si appropriano dei quartieri».

Gli investimenti per sicurezza nella provincia di Grosseto sono ammontati a 262.000 euro per questi ultimi due bandi, e a 1.240.000 euro complessivamente dal 2016 ad oggi, su un totale di più di 21 milioni a livello regionale.

   

Articoli recenti

   
   

Ultime notizie  

   

Link.  

 WEB CIRCOLO

apamagi

Britelcom Banner 160x600

nolegiglio1

toremar Banner 160x600

 

maregiglio Banner 160x600

 

Adietalibera Banner 160x600

 

 

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'