Marras2scritto da Toscana Notizie  

Il progetto presentato oggi al Salone Didacta preceduto dall’intervento dall’assessore all'economia e al turismo, Leonardo Marras

La Toscana mette a punto un’offerta che parla a un segmento turistico e culturale unico: quello del mondo dell’istruzione. Ecco dunque il progetto presentato al Salone Didacta questa mattina e preceduto dall’intervento dall’assessore all'economia e al Turismo, Leonardo Marras: il Manifesto dei valori per il Turismo Educativo in Toscana.



Il Manifesto è il risultato del gruppo di lavoro coordinato da Toscana Promozione Turistica, frutto del confronto fra esperti (di formazione, educazione e apprendimento) con gli operatori toscani coinvolti nell’offerta per il turismo scolastico e formativo. Un lavoro durato sei mesi che ha portato tutti gli attori del tavolo a mettere a fuoco alcune linee guida capaci di orientare gli operatori turistici del settore, grazie a un vero e proprio vademecum di pratiche e atteggiamenti.

“La Toscana amplia ancora di più la propria offerta turistica - ha detto l'assessore Leonardo Marras - aprendosi in maniera sempre più struttrata anche al mondo della scuola e dell'educazione. Le ‘riflessioni condivise’ che hanno portato alla stesura del Manifesto che oggi presentiamo - ha proseguito - non sono rimaste mero esercizio teorico ma sono state messe a terra dagli operatori dei territori, dando vita a un catalogo di concrete proposte di viaggio, rivolte al mondo dell’istruzione, con l’obbiettivo di rendere la visita in Toscana un utile strumento di apprendimento per insegnanti e per alunni”.

La premessa è la condivisione degli obiettivi di sostenibilità di agenda 2030. I 17 punti focali identificati nel programma d’azione Onu sono stati analizzati e declinati in ambito educativo: ne sono emersi cinque aspetti fondamentali che la Toscana intende ‘valori fondativi’ di un turismo didattico attivo nella formazione delle generazioni attuali e future. Cinque aspetti che sono poi cinque parole d’ordine quali: Sostenibilità, Esperienzialità, Innovazione, Sicurezza, Inclusività ed Interculturalità.

Una Toscana che non ti aspetti, che dagli alunni delle scuola primaria a quello della secondaria potranno conoscere con esperienze uniche nel paesaggio, nell’arte, perfino nelle miniere (Maremma: centro Squali della Valpiana, Massa Marittima e Follonica); nel mondo della geologia (Lunigiana), nella preistoria (alla Tecchia preistorica, sito archeologico e paleontologico di rinomanza internazionale che permette di scoprire questa caverna in cui vissero l’uomo di Neanderthal e animali preistorici oggi estinti, in particolare l’Orso delle Caverne). E poi ancora ‘L’agenda degli Etruschi’ in Valdichiana, le passeggiate con i greggi di pecore sul tracciato della Francigena (grazie a una giornata con il pastore ai piedi dell’Appennino), il trekking urbano sulle orma di Galilei (Firenze e Arcetri), il ‘percorso dell’Inferno di Dante e Boccaccio’.

   

Articoli recenti

   
   

Ultime notizie  

   

Link.  

ORARI TRAGHETTI OTT 22

WEB CIRCOLO

apamagi

Britelcom Banner 160x600

nolegiglio1

toremar Banner 160x600

 

maregiglio Banner 160x600

 

Adietalibera Banner 160x600

 

 

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'