0
0
0
s2smodern

WTD4LEGAMBIENTE                          Comunicato stampa

23 maggio, Giornata Mondiale delle Tartarughe

I risultati del TartaQuiz Legambiente per sensibilizzare sugli effetti dell'inquinamento marino

Noti i rischi per la tartaruga marina Caretta caretta e le sue abitudini, ma ancora poco conosciuto il livello di inquinamento del mar Mediterraneo

 

Il ministro Costa: “Ridurre l'uso di plastica usa e getta anche per salvare le tartarughe marine”

Legambiente propone l’adozione simbolica per aiutare questa specie minacciata

 

Roma, 23 maggio 2020 - Si celebra oggi la ventesima edizione della Giornata mondiale delle tartarughe, istituita dall’American Tortoise Rescue (Atr) per sensibilizzare sulle condizioni di salute di queste specie, oltre a sostenere attività di salvaguardia e protezione di questi animali in tutto il mondo. In previsione della giornata, il progetto COMMON e la campagna Tartalove di Legambiente hanno lanciato il TartaQuiz, breve quiz diffuso sui social network per coinvolgere e incuriosire gli utenti sull'impatto che hanno i rifiuti marini su uno degli abitanti più comuni del Mediterraneo: la tartaruga marina Caretta caretta.

Il quiz, rimasto online per 20 giorni, ha raccolto oltre 1000 risposte provenienti da 11 Paesi diversi: dalla Tunisia all'Irlanda, dalla Mauritania alla Francia. I risultati accomunano gli italiani a tutti gli altri Paesi coinvolti: se, da una parte, emerge una buona conoscenza su abitudini e stato di salute delle Caretta caretta, dall'altra si fa ancora fatica a percepire la portata dell'emergenza rifiuti marini e a comprendere quanto i nostri comportamenti siano fondamentali per arginare il fenomeno.

Oltre il 34% dei partecipanti italiani crede che l’inquinamento del Mar Mediterraneo non sia paragonabile alle cosiddette ‘isole di plastica’ dell’Oceano Pacifico. In realtà, sebbene il Mare Nostrum rappresenti soltanto lo 0,8% della superficie marina mondiale, la presenza dei rifiuti marini lo rende una tra le sei aree più inquinate al mondo, con zone particolarmente in pericolo caratterizzate da fortissime densità di plastica galleggiante. Inoltre, il 24.7% degli utenti italiani pensa che la maggior parte dei rifiuti marini galleggi sulla superficie dell'acqua, che invece rappresentano solo lo 0,5% della totalità: oltre il 70% dei rifiuti che raggiungono il mare si deposita sui fondali, resta invisibile agli occhi umani ma espone tutte le specie marine a enormi rischi per la salute.

Il 24% dei partecipanti sottovaluta la possibilità che i rifiuti raggiungano il mare se abbandonati per strada o gettati nel wc, mentre l’11% sostiene che una corretta raccolta differenziata non impedisca ai rifiuti di arrivare a largo. In realtà, le nostre case e l'ambiente che ci circonda sono più vicini al mare di quanto crediamo, tanto che la cattiva gestione dei rifiuti urbani, anche da parte delle amministrazioni locali, resta la prima causa identificata della presenza di rifiuti marini.

Tutti d'accordo sul rifiuto più presente nei nostri mari, la plastica, domanda a cui ha risposto correttamente oltre l’80% degli utenti italiani e sulla conoscenza della distribuzione, delle abitudini, e dei pericoli a cui sono esposte le tartarughe marine. La specie Caretta caretta è conosciuta come la specie più comune del Mediterraneo dall’80% degli intervistati, l’87% sa che la deposizione delle uova avviene in spiaggia e il 90% che la specie è in pericolo. Oltre il 60% degli italiani riconosce ai rifiuti il rischio di essere confusi con il cibo e di intrappolare le tartarughe Caretta caretta. Infine, traffico nautico, catture accidentali e ingestione di plastica sono identificati come le cause di morte principali per la specie marina da un buon 77%.

“L’aumento delle presenze nei nostri mari di Caretta caretta, la tartaruga marina più comune nelle acque italiane, - dichiara il ministro dell’Ambiente Sergio Costa - è sicuramente una cosa positiva ma ci esorta anche ad essere sempre più responsabili. Secondo recenti studi dell’Ispra, su 458 tartarughe vive e 948 morte, il 63% presentava plastica ingerita e quasi il 58% degli esemplari vivi aveva plastica nelle feci. Ecco perché c'è bisogno di iniziative come la Direttiva europea sulla plastica monouso o la legge Salvamare per pulire i nostri mari grazie anche all'aiuto prezioso dei pescatori. In questa giornata dedicata alle tartarughe – ha concluso il Ministro - desidero invitare i cittadini a seguire il mio esempio e ad adottare simbolicamente una tartaruga marina attraverso la Campagna Tartalove, permettendo a Legambiente di continuare a svolgere ancora lungo la sua opera meritoria a favore della conservazione di questi splendidi animali".

"In occasione del World Turtle Day sentiamo il dovere di ricordare quanto il fenomeno del marine litter sia dannoso per gli ecosistemi marini e quanto sia necessaria una forte campagna di sensibilizzazione sull'inquinamento marino - dichiara il Presidente di Legambiente Stefano Ciafani, - I risultati emersi dal TartaQuiz, un piccolo ma significativo esperimento social, ne sono la riprova. Legambiente e i suoi volontari sono impegnati attivamente nella salvaguardia delle tartarughe marine sul fronte nazionale, con la Campagna Tartalove che ogni anno permette di salvare e curare centinaia di esemplari feriti e proteggere numerosi nidi dalla deposizione delle uova all'entrata in acqua dei piccoli, e sul fronte internazionale con il progetto COMMON col quale si persegue un modello di gestione integrata dei rifiuti marini nel bacino del mar Mediterraneo".

Il TartaQuiz è stato promosso dal progetto europeo COMMON (Coastal Management and MOnitoring Network for tackling marine litter in the Mediterranean Sea), finanziato dal programma ENI CBC Med, e dalla campagna Tartalove. COMMON è impegnato nella riduzione del marine litter e nella salvaguardia delle tartarughe marine di tutto il mediterraneo. Sono già partiti, nei centri di recupero tartarughe coinvolti, i campionamenti sulle Caretta caretta per valutare la presenza di microplastiche e analizzare l’impatto che le sostanze inquinanti trasportate dai rifiuti hanno nella specie. Tra le principali ambizioni del progetto, la gestione di un Network permanente che punti al coordinamento dei Centri di Recupero Tartarughe marine che operano nel Mediterraneo.

Tartalove è la campagna di Legambiente che ha permesso il recupero, la cura e l'assistenza di oltre 1500 esemplari di Caretta caretta, oltre al monitoraggio e alla protezione dei nidi e attività di sensibilizzazione. Già dal mese di maggio, periodo in cui inizia la stagione della deposizione delle uova, i volontari e gli esperti di Legambiente sono impegnati nel monitoraggio e nella protezione dei nidi delle tartarughe lungo le spiagge e i litorali italiani.

Per sostenere le attività di Legambiente a favore delle tartarughe marine, l’associazione propone agli amanti della natura e del mare di adottare simbolicamente un esemplare sul sito www.tartalove.it.

Hanno sostenuto il quiz il Ministero dell'Ambiente, le Direzioni Generali Mare e Ambiente della Commissione Europea, l’ENI CBC Med, programma di finanziamento del progetto COMMON, l’associazione intergovernativa Union for the Mediterranean e l’Associazione Non Governativa Seas At Risk.

 

In allegato tutti i risultati del quiz

0
0
0
s2smodern
   
   

Ultime notizie  

   

Link  

 WEB CIRCOLO

 
La Guardia Banner 160x600 1

Adietalibera Banner 160x600

toremar Banner 160x600

maregiglio Banner 160x600

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'