0
0
0
s2smodern

 

La chiesa

 
olga1Autore: Olga Maddalena Centurioni

(Maluda)


La soggezione che avevamo entrando
era pari alla paura di sbagliare.
Con timore, piano piano bisbigliando,
ci mettevamo sulle panche ad ascoltare.

Era bella la chiesa parata a festa
con i drappi rossi alle pareti,
gremita di gente che entrava lesta
per l'occasione, con i visi lieti.

Gli uomini con rispetto si scoprivano la testa
ma sembravano a disagio nel vestito della festa.
Le donne con i capi coperti
da delicati fazzoletti di trine o colorati,
annodati davanti o solo appoggiati
sui capelli che sprigionavano impertinenti.

L'odore dell'incenso e della cera,
rendevano mistica l'atmosfera
Era tutto solenne e maestoso
come le preghiere cantate in latino,
le sapevamo a memoria e, il più piccino,
salmodiava con tono lamentoso

C'era calore, eravamo tanti
e con partecipazione si cantava tutti quanti,
chi forte, chi sottovoce, chi a stento
accennava le parole contento.

E l'antico armonium dal suono arcaico,
accompagnava festoso quel mosaico
di umanità, raccolta in preghiera,
che tornava in famiglia lieta e serena.

 

0
0
0
s2smodern
   
   

Ultime notizie  

   

Link  

 WEB CIRCOLO

 
La Guardia Banner 160x600 1

Adietalibera Banner 160x600

toremar Banner 160x600

maregiglio Banner 160x600

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'