La vendemmia

 
olga1Autore: Olga Maddalena Centurioni

(Maluda)


Nei vicoli scorreva l'acqua dei tini
appena lavati, per accogliere l'uva preziosa
che produceva pregiati vini
che i gigliesi bevevano a iosa.

Nell'aria si spandeva quel forte odore
che sapeva di nuovo e di vecchio,
il tempo sembrava non passare
perchè ad ogni autunno, come in uno specchio,
il rito della vendemmia si ripeteva
e tutto era uguale all'anno prima.

Le cantine si ravvivavano chi rideva,
chi cantava, chi faceva brindisi in rima.

Si travasavano i cestoni nelle botti
e già a pestare i grappoli con energia,
fino a quando i piedi erano cotti
e non vedevi l'ora di andare via.

Tutto ciò è stato tramandato con amore
e per questo, dal profondo del cuore,
ringrazio coloro che continuano il cammino,
chi con fatica e pazienza produce ancora il vino
pregiato, dal colore dell'ambra d'oro,
l'Ansonaco forte, vigoroso,
dal gusto generoso
che del Giglio è il tesoro.
   

Ultime notizie  

   

Link.  

 WEB CIRCOLO

apamagi

Britelcom Banner 160x600

nolegiglio1

toremar Banner 160x600

 

maregiglio Banner 160x600

 

Adietalibera Banner 160x600

 

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'