0
0
0
s2smodern
 

Geografia

 

Isola del Giglio: Isola del mar Tirreno, la seconda per estensione (21,2 km2) dell'arcipelago toscano dopo l'isola d'Elba; dista 13 km dal promontorio dell'Argentario. Di natura quasi ovunque granitica, rivestita da pini marittimi e da arbusti tipici della macchia mediterranea (lecci, corbezzoli), l'isola ha una morfologia montuosa, culminando nel Poggio della Pagana (496 m). Le coste sono scoscese, rocciose e orlate di scogli, a eccezione della spiaggia Campese, piuttosto
estesa, situata a nord-ovest, e di alcune cale che si aprono nella parte orientale dell'isola. La popolazione, , vive nei tre centri di Giglio Porto, Giglio Castello (situato nell'interno dell'isola, in posizione dominante e racchiuso dalla cinta di mura medievali), e Campese, sulla spiaggia omonima. L'economia poggiava sull'agricoltura (diffusa era la vite), sulla pesca, ma soprattutto ora sul turismo balneare e subacqueo, grazie anche alla bellezza dei fondali costieri.

 

upper
Torna a inizio pagina

 

 La nascita dell'Isola

La nascita del Giglio è il risultato di un lentissimo innalzamento del fondale marino. Sono state formulate varie ipotesi, ma quella più attendibile sulla ormazione del complesso è la seguente:

a) sul fondale erano presenti ammassi di rocce sedimentarie che fecero fondere masse di granito generando pressioni sulle rocce sottostanti;

b) il granito fuso, più leggero delle rocce soprastanti, tese a risalire in superficie spingendo in alto lo strato di sedimento che ricopriva il magma granitico e lo sollevò fino a farlo emergere dal mare;

e) si venne così a creare un ampio tratto di terre emerse che univano il Giglio all'Argentario, allora ancora inesistenti come entità separate. Questo processo è riconducibile a circa 5 milioni di anni fa;

d) le azioni erosive degli agenti atmosferici, misero a nudo il granito liberando lo dalle rocce sedimentarie di copertura, ed il Giglio assunse la sua forma attuale;

e) le rocce che costituivano il "ponte" tra i futuri Giglio e Argentario,furono completamente erose non presentando granito sottostante, tenace e resistente all'erosione.

 

 

upper
Torna a inizio pagina

 

Le foto della costa inserite in questa pagina delle zone dei punti segnalati è accompagnata dalla cartina con i nomi che consigliamo di stampare.
CALA DEL SARACINO: vi erano approdati i Saraceni. CLICCA QUI

IL MIGLIACCIO: stampata su un liscione, vicino all'albergo Saraceno, ha la forma di un tipico dolce gigliese.CLICCA QUI

LE MARINE: era un luogo dove le donne facevano il bagno.

LE CORNE: su uno scoglio sembra scolpita una mano atteggiata a coma.CLICCA QUI

IL CANE: è uno scoglio che assomiglia al muso di un cane.

CALA MISERERE: cala situata sotto il cimitero. CLICCA QUI

CALA DELLO SMERALDO: lì l'acqua ha il colore dello smeraldo. CLICCA QUI

CALA DELLE CANNELLE: lì vicino c'è una valle e la presenza d'acqua fa crescere un canneto.CLICCA QUI CLICCA QUI

IL CANNONE: viene fuori dalla costa uno spuntone di roccia simile al fuso del cannone, rivolto verso il mare.

PUNTA CAPO MARINO: scogli che sporgono. CLICCA QUI CLICCA QUI

IL BACCELLO: vi coltivavano i baccelli.

CALA DELLE CALDANE: è una cala riparata, dove fa molto caldo. CLICCA QUI CLICCA QUI CLICCA QUI

I PUNTONI: c'erano massi di granito appuntiti ricavati dalle cave.

ACQUA DEL PRETE: vi è una sorgente di acqua dolce a pochi metri dal mare detta del prete, che era il padrone dei terreni lì attorno.

PUNTA TORRICELLA: in antichità c'era una piccola torre. CLICCA QUI

CALA DEGLI ALBERI: alle spalle della cala, crescono tanti alberi. CLICCA QUI

IL TAMBURO: è un grosso scoglio che esce dal mare a forma di tamburo. CLICCA QUI

LO STIVALE: c'è uno scoglio a forma di stivale. CLICCA QUI

L'ORECCHINO: c'è uno scoglio che assomiglia al lobo di un orecchio.

LO SPECCHIO: un piccolo foro di una decina di centimetri su uno scoglio sul mare permette di vedere l'acqua dall'altra parte, quasi fosse riflessa. CLICCA QUI

ZAMPA DI GATTO: c'è uno scoglio che assomiglia ad una zampa di gatto. CLICCA QUI CLICCA QUI

PUNTA CORBAIA: c'è uno scoglio a forma di corba (cesta). CLICCA QUI

CALA DELLA ROVINA: scoglio scosceso.CLICCA QUI

TAVOLA DEL MAGGIORE: un grande masso squadrato Staccatosi dalla montagna assomiglia ad un tavolo. Del Maggiore perché padrone dei terreni lì attorno. CLICCA QUI

IL FORONE: ìl forone corrisponde al delfino, lì andavano i delfìni a mangiare i pesci catturati dalle reti dei pescatori.

CALA TAMBURATO: ci sono scogli a forma di tamburo.

CALA SARACINESCA: c'è uno scoglio simile ad una saracinesca. CLICCA QUI

PUNTA CAPEL ROSSO: ci sono scogli ramati che sembrano attraversati da venature simili a capelli rossi. CLICCA QUI

SCHIZZATOIO: vicino al mare c'è uno scoglio con un grosso foro, così che quando vi si infrange il mare questo schizza fuori formando tanti spruzzi. CLICCA QUI

SALTO DI GIANNI: da uno scoglio alto si tuffò un certo Gianni.

CALA DELLE TRÉ FONTI: perché vi sono Sorgenti di acqua dolce.

CALA DELL'ALTURA: roccia alta e scoscesa. CLICCA QUI

PUNTA DEL SERRONE: territorio molto assolato e caldo come una grande serra. CLICCA QUI

IL SEGATO: perché una "cote" di granito sembra tagliata da una sega. CLICCA QUI

L'ARCHETTO: con l'erosione del mare e del vento hanno formato un arco naturale nella roccia. CLICCA QUI

CALA DI PIETRABONA: c'era uno scoglio grande e piano adatto all'attracco delle barche che dovevano caricare l'uva raccolta nelle vigne li vicino. CLICCA QUI

CALA IL CATINELLO: fra gli scogli c'è una conca che sembra un piccolo catino. CLICCA QUI

I FAMILIARI / PALMAIO: lì c'è una grande palma. CLICCA QUI

CALA DEL CORVO: vi nidificavano dei corvi. CLICCA QUI

RIPA DELLA PENNA: vi si trovavano le penne dei corvi che nidificavano li vicino. CLICCA QUI

LO SROVINATO: la costa si presenta molto rovinata, presentando massi e frane sparse. CLICCA QUI

PUNTA DELL'ERESIA: vi è la convergenza di correnti contrarie e perciò c'è sempre mare agitato ("eresia" sta per aresia: roccia scoscesa). CLICCA QUI

CALA LA SPIGOLA: è riferita al piccolo tappo fatto a tronco di cono che serviva per assaggiare il vino.

SCOGLIO LA CAPPA: è un isolotto a forma di cappa. CLICCA QUI

CALA DELL'ALLUME: nelle vicinanze vi era un particolare minerale: l'allume di rocca. CLICCA QUI

CALA DEL SALTO DEL CANE: è una caletta molto stretta, tanto che un cane poteva saltare da una parte all'altra.

PIETRALTA: è una roccia alta e scoscesa. CLICCA QUI

SALINE / SALINELLE: nelle fosse degli scogli si depositava l'acqua che, evaporando, lasciava il sale. CLICCA QUI

PUNTA, SCOGLIO, SPIAGGIA DI MEZZOFRANCO: sono situati nel territorio del Franco. CLICCA QUI CLICCA QUI

PUNTA GESSO: è una scogliera chiara come il gesso. CLICCA QUI

LA LETTERA: è uno scoglio piatto vicino al mare simile al foglio di una lettera.

POZZARELLO: lì vicino c'era un pozzo di acqua dolce. CLICCA QUI

LA DONZELLA: è uno scoglio che assomiglia ad una giovane donna. CLICCA QUI

PERTUSO: è una cala stretta, angusta (pertugio). CLICCA QUI

ISOLELLA: è una scogliera staccata dalla costa.

SCALETTINO: scogli degradanti che permettono di scendere in mare come su una scaletta. CLICCA QUI

PIGNOCCHI: gli scogli assomigliano a piccole pigne.

CALA DI SPARAVIERI: i Turchi durante un'incursione, spararono su quelle rocce. CLICCA QUI

IL CHIAPPONE: è un canalone vicino al mare in mezzo al quale si erge uno sperone di roccia dove i pescatori legavano la sciabbica invece di gettare la mazzera con il pedagno.

CALA DI BONGIOVANNI: il terreno alle spalle della cala era di un certo Giovanni. CLICCA QUI

PUNTA DELLE SECCHE: lì vicino ci sono le secche. CLICCA QUI

CALETTA DEI SAPONI: tré grossi blocchi di granito staccatisi dalla mon tagna assomigliano a tré pezzi di sapone. CLICCA QUI

PUNTA FENAIO: in passato i contadini vi ammucchiavano e conservavano il fieno. CLICCA QUI

IL RICCIARDO: il fondale era ricco di ricciarde.

CALA SACCO DI TINTA: vi sono sulla costa delle buche naturali dove i pescatori tinteggiavano le reti, utilizzando la corteccia dei pini che vi sono nelle vicinanze. CLICCA QUI

SCOGLIO TRENICAIOLO: è uno scoglio che si muove quando il mare è mosso.

PUNTA DEL MORTO E CALA DEL MORTO: poiché vi fu trovato morto un contadino gigliese. CLICCA QUI

LA ROTA: sulla costa tra la macchia vi si scorge un sasso a forma di ruota. CLICCA QUI

CALA CARBUGINA: con la legna che raccoglievano facevano il carbone. CLICCA QUI

BANCA PIANA: vi è una cote a forma di panca. CLICCA QUI

TESTA DI DANTE: è uno scoglietto che esce dal mare e che presenta, visto dalla parte a nord, il profilo di Dante. CLICCA QUI

PUNTA DELLA CROCE: un grande scoglio sul mare presenta una spaccatura a forma di croce. CLICCA QUI

LA MELA: un grosso scoglio vicino al mare presenta la figura di una mela. CLICCA QUI

IL COLOMBO: vi nidificavano i colombacci.

CALA DELLA CAMPANA: c'è uno scoglio simile ad una campana rovesciata. CLICCA QUI

PUNTA SUBBIELLI: lì vicino si escavava il granito con le subbie (scalpelli).

LA CALETTA: è una piccola cala. CLICCA QUI

PUNTA CAPEZZOLO: era così chiamata per uno scoglio che assomigliava ad un capezzolo. Recentemente lo scoglio si è staccato dalla parete rocciosa come è visibile dalla seconda immagine.CLICCA QUI CLICCA QUI

CALA ARENELLA: la rena della spiaggia era sottile. CLICCA QUI

IL PICCIONE: vi erano nidi di piccioni. CLICCA QUI

CALA CUPA: è una cala stretta e profonda. CLICCA QUI

GLI SCOGLIONI: grandi blocchi di granito isolati sul mare. CLICCA QUI

SCOGLIO DELLA NAVE: è uno scoglio in mare, sulla punta del Lazzaretto, simile alla prua di una nave.

CALA DI MEZZO: è situata fra la Cala del Lazzaretto e Cala Cupa. CLICCA QUI

LA GABBIANARA: su quello scoglio si fermano numerosi gabbiani. CLICCA QUI

CALA DEL LAZZARETTO: c'era un Lazzaretto dove tenevano in quaran tena i malati di peste. CLICCA QUI

CALA DELLA FICAIACCIA: c'era una grossa ficaia selvatica. CLICCA QUI

LA SPIAGGETTA: creata artificialmente dai gigliesi e frequentata per la comodità e bellezza. CLICCA QUI

 

 

upper
Torna a inizio pagina

 

Minerali

1)Punta di Pietralta: MALACHITE - QUARZO

2)Poggio della Pagana: TORMALINA - QUARZO - ADULARIA ORTOCLASIO

3) Punta dell'Arenella: TORMALINA - BERILLIO

4) Bonsere: ELBAITE - GRAFITE

5) Poggio Temeti: TORMALINA - ORTOCLASIO - QUARZO

6)Punta di Capei Rosso: TORMALINA

7)Punta del Fenaio: QUARZO

8) Punta di Radice: QUARZO

9) Miniera del Campese: CALCITE - PIROLUSITE - STALATTITI

10) Cala delle Cannelle: PIRITE - TORMALINA - PIRROTINA

11) Cala delle Caldane: PIRITE - QUARZO - TORMALINA

12) Cala dell'Allume: SOLFO - MELANTERITE - CRISOCOLLA COPIATÌTE - ALUNITE

13) La Vena: QUARZO - GOETHITE

14) Mortoleto: QUARZO

15) Punta delle Saline: GESSO - PIRITE - BLENDA

16) Scogliera di Mezzofranco: PIRITE - BLENDA - QUARZO CLORITE - LAWSONITE

17) Punta di Mezzofranco: LAWSONITE - CLORITE

18) Poggio Zuffolone: LAWSONITE-DIALLAGIO

19) II Gronco: QUARZO - TORMALINA

20) Vaccarecce: QUARZO - TORMALINA

21) San Giorgio: PIRITE - QUARZO

22) Antico faro: TORMALINA - GOETHITE - QUARZO

23) San Francesco: CAOLINO - TITANITE

24) Poggio del Sasso Ritto: TORMALINA

25) Cava del Foriano: PIRITE.

 

 

upper
Torna a inizio pagina

 

 

Cave

1) Cava delle Cannelle: GRANITO

2) Cava della Ficaiaccia o del Fonano: GRANITO

3) Cava del Lazzaretto: GRANITO

4) Cava del Piccione: GRANITO

5) Cava dell'Arenella: GRANITO

6) Cava del Fenaio: GRANITO

7) Cava di Sparvieti: GRANITO

8) Cava di Campese: CALCARE

9) Cava delle Saline: GESSO

10) Cava della Valle Ortana: CALCARE

11) Cava del Poggio della Chiusa: GRANITO

12 -13 -14) Le tré Cave del Castelluccio: GRANITO

15) Cava dell'Acqua del Prete: GRANITO

16) Cava delle Caldane: GRANITO

17) Cava della Torricella: GRANITO

18) Cava degli Alberi: GRANITO

19) Cava dei Puntoni: GRANITO

20) Cava della Cala di Mezzo: GRANITO

21) Cava di Cala Cupa: GRANITO

22) Cava dell'Allume: ALLUME DI ROCCA 

 

 

upper
Torna a inizio pagina

 

0
0
0
s2smodern
   

Articoli recenti

   
   

Ultime notizie  

   

Link.  

 WEB CIRCOLO

apamagi

Britelcom Banner 160x600

nolegiglio1

toremar Banner 160x600

 

maregiglio Banner 160x600

 

Adietalibera Banner 160x600

 

 

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'