0
0
0
s2smodern

beccacciaFIRENZE – Il Tribunale amministrativo della Toscana ha definito legittima la scelta della Regione di stabilire la chiusura della caccia alla beccaccia al 31 gennaio 2020. Con questa decisione il Tar non  ha accolto la richiesta di sospensiva presentata da alcune associazioni ambientaliste e animaliste contro il calendario venatorio regionale, riguardo, in particolare, al prelievo delle specie beccaccia, moriglione e pavoncella.

"L'ordinanza del Tar – sottolinea l'assessore all'agricoltura Marco Remaschi - ha affermato per la prima volta la validità degli studi e dei monitoraggi effettuati dalla Regione che prevedono di discostarsi dai periodi di prelievo individuati da Ispra (l'Istituto per la protezione ambientale del Ministero) nel proprio parere sul calendario venatorio".

 

Nell'ordinanza si legge infatti che, in seguito a monitoraggi affidabili e aggiornati e a ulteriori studi scientifici e nuovi pareri, la Regione ha evidenziato le peculiarità del territorio di riferimento e dunque dimostrato l'attendibilità dell'individuazione nella prima decade di febbraio dell'inizio della migrazione prenuziale della beccaccia. Secondo il Tar, dunque, "appare legittima la scelta della Regione Toscana di discostarsi dal parere dell'Ispra e stabilire la chiusura della caccia alla beccaccia al 31 gennaio 2020".

 

"Questo importante risultato – dice ancora Remaschi - ci incoraggia nel proseguire nella strada dei monitoraggi e degli studi sulla fauna, da realizzare in collaborazione con le Università e con le altre Regioni interessate. Il lavoro sinora svolto è stato determinante per raggiungere questo risultato, grazie anche al lavoro di centinaia di operatori che hanno effettuato i monitoraggi della beccaccia sul territorio toscano nei mesi di febbraio e marzo degli ultimi anni".

 

"Fondamentale nelle operazioni di monitoraggio – aggiunge Remaschi – anche l'impegno dei cacciatori nella raccolta dei dati durante la stagione venatoria, mediante la specifica applicazione per smartphone predisposta dalla Regione in collaborazione con la Fanbpo, che riunisce le associazioni dei beccacciai. Un impegno che adesso deve continuare per assicurare solide basi scientifiche alle proposte regionali".

 

"A questo punto – conclude Remaschi - è necessario lavorare, con la collaborazione dei cacciatori e delle associazioni, per applicare un metodo di monitoraggio analogo per la pavoncella e il moriglione, per le quali, invece, l'ordinanza ha sospeso il prelievo per la stagione in corso".

 

L'ordinanza prevede inoltre la chiusura anticipata del prelievo dei corvidi a far data da giovedi 16 gennaio 2020, a causa del periodo intercorrente fra la preapertura dei giorni 1 e 8 settembre 2019 e l'apertura della stagione venatoria del 15 settembre. Questi passaggi dell'ordinanza confermano l'opportunità della scelta cautelativa della Regione Toscana nel non prevedere in preapertura le specie colombaccio e merlo.

fonte Toscana Notizie

0
0
0
s2smodern
   
   

Ultime notizie  

   

Link  

 WEB CIRCOLO

 
La Guardia Banner 160x600 1

Adietalibera Banner 160x600

toremar Banner 160x600

maregiglio Banner 160x600

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'