×

Errore

There was a problem loading image 07-toremar-giovanni-bellini-0680.jpg

SeiToscana dispositivi videorsoveglianzascritto da Sei Toscana  

Maggiore controllo del territorio, attività di informazione a cittadini e imprese e contrasto ai comportamenti scorretti. Il servizio di ispezione ambientale è già attivo in decine di Comuni dell’Ato Toscana Sud

Informare e educare cittadini e attività economiche per una corretta gestione dei propri rifiuti e, al contempo, segnalare e sanzionare eventuali comportamenti scorretti.

Sono questi i principali compiti dell’ispettore ambientale, il servizio che Sei Toscana mette a disposizione dei Comuni del territorio. Un’attività che è potenziata e implementata con l’istallazione di dispositivi di videosorveglianza di ultima generazione nei luoghi ritenuti maggiormente sensibili all’abbandono di rifiuti.

Ad oggi, il servizio è già operativo in 30 Comuni della Toscana meridionale, con più di 60 videocamere, tra fisse mobili, oltre 300 postazioni di raccolta controllate e con una costante e continua attività di monitoraggio da parte degli ispettori ambientali sul territorio.

“Il servizio di ispezione ambientale nei comuni dell’Ato Toscana Sud – commenta il vicedirettore generale Marco Bianchini – ha permesso di promuovere comportamenti corretti e sensibilizzare e aiutare cittadini ed attività economiche a adottare condotte più corrette nella gestione dei propri rifiuti, ma anche a promuovere un’attività più capillare di segnalazione ed eventuale sanzione di comportamenti scorretti”.

Sei Toscana sta investendo in nuove tecnologie e strumentazioni sempre più capaci di rilevare, anche e soprattutto in orario notturno, le possibili attività non corrette, in primis l’abbandono di rifiuti in città o nelle zone più periferiche. Particolare attenzione è dedicata alla normativa, privacy e ambientale, così da garantire una gestione sicura dei dati sensibili che rappresentano una componente cruciale nello sviluppo applicativo cloud per la videosorveglianza.

Nei primi 10 mesi dell’anno, sono stati svolti complessivamente quasi 300 turni di ispezione sul territorio e analizzate migliaia di ore di videoregistrazioni, con oltre 3000 illeciti che sono stati trasmessi agli organi di controllo per la successiva emissione di sanzioni ai trasgressori in ottemperanza a quanto previsto dal regime sanzionatorio vigente in ogni Comune dove il servizio è attivo.

FOCUS

PROVINCIA DI GROSSETO e VAL DI CORNIA

In provincia di Grosseto e nel comprensorio della Val di Cornia, a oggi, sono dieci i Comuni che hanno attivato il servizio di ispezione ambientale svolto da Sei Toscana. Nel territorio sono operativi 35 dispositivi di videosorveglianza di ultima generazione, tra fissi e mobili, che, assieme alle attività promosse dagli ispettori ambientali, hanno permesso di rilevare numerosi illeciti relativi all’abbandono e\o al conferimento errato dei rifiuti. Nei primi dieci mesi del 2023, sono state elevate oltre 1500 sanzioni a carico dei trasgressori, in ottemperanza a quanto previsto dal regime sanzionatorio vigente in ogni Comune dove il servizio è attivo.

   

Articoli recenti

   
   

Ultime notizie  

   

Link.  

ORARI TRAGHETTI OTT 22

WEB CIRCOLO

Britelcom Banner 160x600

nolegiglio1

toremar Banner 160x600

 

 

 

Adietalibera Banner 160x600

 

 

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'