cibiamoscritto da ancitoscana.it  

Parte il progetto AnciToscana per diffondere  buone pratiche e innovazione

Un progetto itinerante sul territorio toscano, per diffondere e far conoscere le migliori pratiche nel settore dell’agricoltura e dell'alimentazione

, per contribuire concretamente perché sulle tavole delle nostre case, del ristorante, delle mense arrivino prodotti frutto della conoscenza e della sostenibilità, garantendo qualità, genuinità e rispetto dell’ambiente. Tutto questo è “CibiAmo la Toscana”, iniziativa di Anci Toscana che prenderà il via giovedì 22 febbraio alla Scuola Normale di Pisa, primo appuntamento di un percorso che prevede sei convegni, cinque seminari, sette video informativi e sette opuscoli divulgativi.  

I partner di Anci Toscana in questo viaggio sono l’Associazione Nazionale Città dell’Olio e Qualità e Servizi; partecipano anche tra iotanti spggetti coinvolti la Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Slowfood e la rete dei Parchi; mentre il Comitato scientifico è costituito dall’Accademia dei Georgofili, il Centro Ricerche per la Comunicazione Generativa SaU e il Consorzio RE-CORD oltre a tutte le Università toscane; sono coivolte inoltre tutte le comunità del cibo e i distretti biologici della regione. Si parlerà di filiera corta e di mense, di biologico e di risparmio idrico, di energia rinnovabile e di benessere animale, di economia circolare e di tecnologia. Il progetto nasce dall'impegno di Anci Toscana nel settore agroalimentare, che nel 2019 ha portato alla costituzione del Tavolo delle Politiche Locali del Cibo; un organismo composto da enti locali, mondo scientifico, rappresentanze dei diversi settori economici interessati e della società civile, che ha sviluppato una Carta di valori sulle food policies dei diversi territori della Toscana. 

L’appuntamento di Pisa si aprirà alle 9.30 con i saluti del sindaco Michele Conti, di Alessandro Schiesaro Vice Direttore Scuola Normale Superiore e di Massimiliano Angori presidente Provincia e sindaco di Vecchiano; seguirà l’illustrazione del progetto CibiAmo con Roberta Casini, delegata Agricoltura di Anci Toscana e sindaca di Lucignano; Giaime Berti della Scuola Sant’Anna; Filippo Fossati di Qualità e Servizi e Marcello Bonechi sindaco di Castellina in Chianti per l’ Associazione Città dell’Olio. Poi tre sessioni tematiche, dove si parlerà di esperienze digitali, di distretti rurali, di biodiversità ed etica.

Dopo Pisa, saranno coinvolte tutte le province toscane, mentre il materiale informativo e divulgativo prodotto sarà a disposizione di tutti i soggetti interessati. 

Qui il programma del 22 febbraio 

   

Ultime notizie  

   

Link.  

ORARI TRAGHETTI OTT 22

WEB CIRCOLO

Britelcom Banner 160x600

nolegiglio1

toremar Banner 160x600

 

 

 

Adietalibera Banner 160x600

 

 

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'