×

Errore

There was a problem loading image 1926acc5-769d-b38b-5e58-1841467c8d89?t=1716382822578.
There was a problem loading image fd926aea-3730-4224-90f4-5494a543d3eb?t=1380558799297.

premiazione volontariscritto da Toscana Notizie  

Il raduno annuale si è svolto  nel comune di Campi Bisenzio, cinque mesi dopo l’alluvione

Un ringraziamento, ma anche un momento di condivisione.

Per discutere e riflettere su quello che è stato ed essere domani ancora più efficaci. Allo Spazio Reale di San Donnino, nel comune di Campi Bisenzio, oggi protagonista era la Protezione civile regionale, con il suo volontariato organizzato. Un appuntamento annuale, voluto dalla Regione, quest’anno reso più particolare dall’alluvione e il maltempo che appena  cinque mesi fa ha sconvolto proprio il territorio di Campi e tante altri in Toscana.

Il ricordo va lì, a quell’emergenza: tra i volontari, più di seicento dei quattromila ed ottocento impegnati in quei giorni e quelle notti a riempire praticamente tutti gli spazi a disposizione, con i prefetti, alcuni sindaci ed amministratori, con il presidente della Regione Toscana e l’assessora all’ambiente e alla protezione civile. C’è pure Fabrizio Curcio, il capo del Dipartimento di protezione civile nazionale. 

Quello del volontariato organizzato è un mondo vario e multiforme, fatto di sigle diverse e tanti gruppi di specializzazione. L’arcobaleno di colori delle tante e diverse divise che si intrecciano come trama ed ordito nella grande sala dello Spazio Reale ne costituisce una vivida rappresentazione. 

"Siamo tanti e diversi - racconta Dario Cherici, ‘pennellone’ per gli amici, da cinquant’anni volontariato Anpass e di recente, ad ottant’anni, nominato da Mattarella commendatore della Repubblica italiana. Durante l’alluvione di cinque mesi fa cucinava per i volontari e per chiunque ne avesse bisogno. “Siamo tanti e diversi ma quando siamo nell’emergenza – ammonisce  - siamo tutti uguali e i colori spariscono”. 

I volontari, sottolinea dal palco qualcun altro, nel dramma sono un sorriso di speranza per chi è disperato e viene soccorso. “Certo – raccontano i diretti interessati -  non siamo immuni dal peso emotivo di una tragedia, ancor più se vissuta in casa”. “Ma se una grande emergenza viene scomposta nella somma di tanti piccoli problemi a cui cercare una soluzione – spiegano – allora tutto diventa più facile e gestibile”.

La Protezione civile nazionale nasce nel 1970, dopo l’alluvione di Firenze del 1966 e il terremoto del Belice. Un modello, sottolinea il capo del Dipartimento nazionale, che si basa sul volontariato organizzato e il coordinamento, frutto di una grande intuizione. Un sistema solido, fatto -  aggiunge - di grande partecipazione, solidarietà e democraticità, con grandi passi in avanti registrati negli ultimi anni.  

Ma è anche un sistema vivo e che cambia, così come cambia la realtà attorno a noi. E così le parole chiave che si sono ripetute per tutta la mattinata non potevano che essere la formazione (dei tecnici, dei volontari ma anche di sindaci ed amministratori), l’importanza di procedure standardizzate, la messa in sicurezza e prevezione, ma anche l’impegno a far crescere la consapevolezza nei cittadini del rischio del proprio territorio di fronte ad eventi metereologici sicuramente estremi ma non più così rari. Sfide su cui misurarsi e ben presenti nell’agenda dell’assessorato regionale all’ambiente e alla protezione civile, per risposte sempre più efficaci.

E poi un grande grazie, come si ripete dall’assessorato e dalla presidenza della Regione Toscana, per chi di fatto è volontario per trecentosessantacinque giorni l’anno e quando non impegnato nell’emergenza si forma per essere pronto di fronte a nuove emergenze: le più disparate, anche quelle umanitarie dei profughi in arrivo, e non solo le calamità naturali. 

La mattinata termina con la consegna degli stemmi della Protezione Civile e degli attestati di riconoscimento ai volontari e a tutte le istituzioni impegnate. 

C’è spazio anche per due buone notizie. L’assessorato ricorda che si sta concludendo la distribuzione a cittadini ed imprese dei 25 milioni di euro stanziati dalla Regione, mentre con il Governo sono state definite le risorse – 44 milioni nel 2024 e 12 milioni nel 2025 – per il contributo ai cittadini (cinquemila euro) e alle aziende (ventimila) .  Anche sul fronte dei lavori di somma urgenza, annunciano in assessorato, si sono fatti passi in avanti e trovati assieme al Dipartimento nazionale di Protezione civile gli ottantotto  milioni che ancora mancavano per poter saldare il conto degli interventi durante e a seguito dell’emergenza. 

NOTA. Il comunicato è stato redatto in forma impersonale in ottemperanza alla disposizioni sulla par condicio scattate con l’indizione dei comizi elettorali per le elezioni europee ed amministrative dell’8 e 9 giugno 2024.

   

Articoli recenti

   
   

Ultime notizie  

   

Link.  

ORARI TRAGHETTI OTT 22

WEB CIRCOLO

Britelcom Banner 160x600

nolegiglio1

toremar Banner 160x600

 

 

 

Adietalibera Banner 160x600

 

 

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'