cyberbullismo 900x600scritto da Toscana Notizie  

Presto un avviso pubblico rivolto alle amministrazioni locali perché presentino progetti finanziabili. Giani e Ciuoffo: “Le ragazze ed i ragazzi della Toscana saranno i protagonisti nella lotta al bullismo e al cyberbullismo. Con gli enti locali coinvolgeremo scuole e associazioni sportive”.

Su proposta dell’assessore regionale ai rapporti con gli enti locali, Stefano Ciuoffo, la Giunta ha approvato una delibera con la quale stanzia 800.000 euro (400.000€ nel 2023 e 400.000€ nel 2024), destinando ad azioni di contrasto ai fenomeni di bullismo e di cyberbullismo.

“Lo faremo – spiegano il presidente Eugenio Giani e l’assessore Ciuoffo – attraverso un bando rivolto agli enti locali della Toscana, chiedendo loro di essere costruttori di una rete che veda il coinvolgimento del terzo settore, delle scuole e delle associazioni sportive. Il fenomeno del bullismo si sta radicando nelle giovani generazioni e solo con una coalizione ampia tra istituzioni ed attori sociali potremo riuscire ad arginarlo, potenziando la convivenza civile”.

Il bando prevede infatti la concessione di contributi agli enti locali per la realizzazione di progetti in materia di sensibilizzazione, prevenzione e contrasto ai fenomeni di bullismo e cyberbullismo nelle scuole e nelle associazioni sportive.

Verranno infatti finanziati i progetti di contrasto al bullismo e al cyberbullismo più meritevoli, cercando di valorizzare e premiare quelle progettualità che vedranno ampi partenariati (con la presenza di più scuole e più associazioni sportive) e un approccio legato alla cosiddetta "peer education", l’educazione tra pari, ovvero quella modalità di intervento che parte dai coetanei delle stesse vittime di bullismo, che vede come protagonisti gli stessi ragazzi nelle azioni di contrasto.

“Siamo - concludono il presidente Giani e l’assessore Ciuoffo – partiti dalla significativa e crescente diffusione del fenomeno anche in Toscana. Quindi, dal momento che il nostro sforzo è da tempo teso a migliorare le condizioni di sicurezza delle comunità locali, abbiamo ritenuto importante arricchire il ventaglio di azioni in materia di contrasto ai fenomeni di bullismo e cyberbullismo con un’ulteriore misura, che vedrà i giovani e le giovani toscane direttamente protagoniste, nei contesti scolastici e sportivi. Il modello della peer education, focalizzata anche all’educazione alla cittadinanza digitale consapevole, sarà la leva su cui vogliamo investire attraverso anche GiovaniSì, coinvolgendo le professionalità del terzo settore presenti sul nostro territorio, le scuole e le moltissime associazioni sportive.”

I contributi che verranno concessi varieranno tra i 5.000 e i 15.000 euro per ogni progetto. 

Questa misura consolida le attività di Regione Toscana, con Giovanisì, in materia di autonomia per le giovani generazioni e per tale motivo sarà pubblicato sia sul sito di GiovaniSì che sulla pagina web dedicata alle politiche per la sicurezza di Regione. 

   

Articoli recenti

   
   

Ultime notizie  

   

Link.  

ORARI TRAGHETTI OTT 22

WEB CIRCOLO

Britelcom Banner 160x600

nolegiglio1

toremar Banner 160x600

 

 

 

Adietalibera Banner 160x600

 

 

 

   

Dialetto

Le parole che rendono il linguaggio dei gigliesi simile ad un dialetto. Da abbise a zirro cerchiamo di elencare in ordine alfabetico i termini

   

Giro dell'Isola

giglio isolaGiro dell'Isola in barca

Viaggio intorno all'isola. Seguimi ti farò visitare e conoscere la costa in un giro virtuale per visitarla in anteprima...

   

Soprannomi

Soprannomi

Fin dai tempi più antichi i gigliese usano riconoscersi oltre che con il nome ed il cognome a volte troppo comuni con un soprannome o un nomignolo.

   
© www.isoladelgiglio.net - by Massimo Bancala'